divano letto

Motivi utili per scegliere un divano letto

Quando non si dispone di una camera degli ospiti e si vuole ospitare per qualche giorno amici e parenti in casa, qual è la soluzione migliore?

Un divano letto comodo e pratico.

Prima di collocarlo, bisogna considerare lo spazio di cui si dispone, farsi un’idea di quelli che saranno gli ingombri del divano una volta aperto e soprattutto valutare se ci sarà spazio sufficiente intorno per rifare comodamente il letto ed anche spazio necessario per scendere da esso.

Una volta definiti gli spazi, è necessario valutare alcuni elementi fondamentali:

Il sistema d’apertura del divano: ne esistono diversi tipi.

  1. Ad apertura classica: composto da un materasso molto sottile e da una rete in doghe. Il tutto chiuso in tre parti e riposto sotto la seduta. Per aprirlo occorre togliere i cuscini ed estrarre il letto.
  2. Ad apertura a fisarmonica: composto di tre parti ripiegate, quali la seduta e i due schienali, di cui uno poggia al muro ed uno visibile. Per aprirlo, occorre soltanto tirare verso di voi la parte inferiore. Ciò permette l’estensione delle altre due parti e di conseguenza la composizione del letto.
  3. Ad apertura a libro o a clic-clac. Occorre soltanto abbassare lo schienale ed allungare i braccioli per ottenere un vero e proprio letto.
  4. Ad apertura a cassetto. Generalmente il più scomodo. La rete è collocata sotto la seduta del divano e va estratta come se fosse un cassetto. Nell’allinearsi con il sedile, tende a formare una cavità fastidiosa, la quale diventa eventuale causa di notti insonni.
  5. Il tipo di rete del divano: la migliore è quella realizzata con doghe in legno, le quali solitamente sono sempre di faggio curvate a vapore ed incassate in una struttura d’acciaio verniciato.
  6. Il materasso: deve essere adatto ad un divano letto e quindi mai superiore a 10 cm altrimenti potrebbe non chiudersi il divano essendo troppo ingombrante.

E’ importante anche valutare il modello del materasso. Solitamente per il divano letto i modelli sono in poliuterano, un materiale ottenuto dalla reazione chimica di vari elementi, il cui volume si presenta sottoforma di schiuma. Essi hanno il vantaggio di non deformarsi.

I materassi possono essere anche in lattice. Essi sono molto comodi e flessibili.

  • Il rivestimento: la cui scelta deve essere dettata da preferenze estetiche ma anche da questioni di praticità, legate alla facilità di manutenzione.

Può essere in pelle, il quale è più costoso ma più facile da pulire, in microfibra, in tessuto ed in alcantara.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *